RISOTTO AGLI SCAMPI

DSCF1614Difficoltà: media
Costo: alto
Tempi di preparazione e cottura: 1 ora e 10 minuti

Sabato, 28 Settembre 2013

 

vieni da me

abbracciami e fammi sentire che

sono solo mie piccole paure

(Le Vibrazioni)

Un breve chiarimento sulle materie prime, senza la qualità delle quali ogni ricetta è un insuccesso assicurato.

Gli scampi: possibilmente nazionali, freschissimi e non surgelati.

Il riso: ho sentito dire da diversi cuochi che il riso arborio col pesce è più adatto del carnaroli. Io in questa occasione ho usato il carnaroli ed ho avuto successo. Ad ogni modo, è indispensabile utilizzare un riso adatto per fare il risotto: arborio, carnaroli, baldo, vialone nano…

Procuratevi quindi per 2 persone:

  • 400-500 grammi di scampi
  • 200 grammi di riso
  • una cipolla (metà per fare il brodo metà per fare il soffritto del risotto) o, se preferite, due scalogni
  • 1 bicchierino da liquore di brandy
  • 1 cucchiaio di semi di finocchio
  • 1 cucchiaino di concentrato di pomodoro
  • pepe bianco in grani
  • 15 grammi di burro
  • olio extravergine d’oliva
  • acqua calda q.b. per fare il brodo, almeno 1 litro
    NOTA la connotazione della ricetta come “senza glutine” è qui puramente indicativa. Gli intolleranti dovranno attenersi alle indicazioni dietetiche del proprio medico e a tutti gli accorgimenti necessari in merito.

consigliato 1 bottiglia di Circeo Trebbiano DOC

  1. Per prima cosa procedete con la preparazione del brodo o fumetto di pesce. Mettete a bollire l’acqua in un pentolino sul fuoco. Liberate ogni scampo dalla testa, incidete con un coltellino il dorso del carapace, ed estraete la polpa, che vi occorrerà per fare il risotto. Mettete da parte il resto, con cui otterrete un ottimo brodo. Procedete col tagliare in pezzi grossolani metà cipolla, scaldate un tegame, aggiungete un filo d’olio extravergine e, non appena caldo, ma senza friggere, adagiatevi la cipolla in pezzi. Appena la cipolla imbiondisce potete aggiungere le teste e le chele degli scampi, sfumando col bicchierino di brandy. Aggiungete l’acqua, i semi di finocchio, il concentrato di pomodoro, il pepe bianco in grani secondo il vostro gusto, salate e lasciate cuocere il brodo a fuoco medio per almeno 40 minuti.
  2.  Nel frattempo, potete farvi belle: tacchi e trucco, ma senza esagerare, perché si noti ma non sia esplicita la voglia di sedurre. Allo stesso scopo preparate la tavola con gusto, ma con semplicità.
  3. Una volta pronto il brodo va filtrato, schiacciando con pazienza le chele per far sprigionare tutto l’aroma del pesce e far addensare il brodo al massimo.
  4. Tritate la mezza cipolla rimasta e mettetela a soffriggere nel tegame con poco burro. Tostate il riso a parte velocemente in una padella e aggiungetelo alla cipolla, appena questa diventa trasparente. Mescolate ed unite un mestolo di brodo alla volta, senza aggiungere il successivo prima che il precedente si sia completamente assorbito. Affettate in piccoli pezzi la polpa dei vostri scampi e, dopo 5 minuti di cottura del risotto, unitela. Portate a cottura il vostro risotto al dente, aggiustando di sale solo se necessario, e mescolando solo quando aggiungete il brodo.
  5. Togliete il risotto dal fuoco e mantecatelo con un filo d’olio extravergine di oliva e, se vi piace, pepe bianco macinato al momento. Aspettate almeno due minuti prima di servire.

Come si vede, questa ricetta è volutamente semplice, non prevede né la riduzione degli scampi in crema, poiché amo sentire la consistenza del cibo quando mangio, né l’aggiunta di pomodoro o panna, perché gli scampi siano i veri protagonisti di questa ricetta!

Cosa?…
Volete sapere il resto?
No, il resto chi lo fa, non lo dice :-)
Un bacio e buona seduzione a tutti ;-)

0 Commenti

Lascia un commento